La lingua e i dialetti

Evoluzione della lingua e comunicazione La lingua e i dialetti Come detto, sono state parecchie le parlate volgari che si sono sviluppate nel corso dei secoli nelle diverse zone dell attuale territorio italiano. Poi, intorno al 1300, grazie anche alle importanti opere di alcuni grandi scrittori quali Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio, il volgare fiorentino divenne dapprima la lingua comune delle persone più istruite e poi, dopo l Unità d Italia nella seconda metà dell Ottocento, di tutti gli Italiani. Le altre lingue volgari, invece, assunsero il ruolo di lingue regionali, cioè quello di dialetti.. GALLO - ITALICO UMBRO - MARCHIGIANO FRANCO - PROVENZALE ABRUZZESE SARDO CAMPANO CORSO E GALLURESE PUGLIESE LADINO SALENTINO TEDESCO CALABRESE TRENTINO SICILIANO VENETO TOSCANO MINORANZE ALBANESI MINORANZE TEDESCHE FRIULANO Di fatto l italiano è stata la lingua di uso quotidiano per fasce molto ridotte della popolazione non solo fino alla seconda metà dell Ottocento, ma anche fino alla Prima guerra mondiale. In seguito, prima la radio e poi la televisione lo hanno diffuso più capillarmente nella popolazione, popolazione nel cui linguaggio rimane tuttavia una certa connotazione territoriale. 1 Scopri, con l aiuto del dizionario, la provenienza delle seguenti parole. PAROLE REGIONE PAROLE coppola caciucco cotoletta pasticciotto stringozzo panettone pandoro panella michetta prosecco REGIONE 5

La lingua e i dialetti