Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro

IL RACCONTO GIALLO presenta come ispettore della polizia criminale: - Debbo presumere, signor Moser, che sotto il suo tetto si nasconda un ladro. Da una villetta delle immediate vicinanze è stata trafugata (2) una cassetta con del denaro. Il vetraio Moser si contorce indignato: - Si tratta sicuramente di un errore, signor ispettore! Quando poco dopo viene ritrovata la cassetta sotto un sedile del furgone delle consegne, il signor Moser si precipita schiumante di rabbia nella bottega-laboratorio, dove i due apprendisti stanno lavorando. Con ampi gesti vivaci spiega loro il perché della presenza dell ispettore e li ammonisce a dire la verità. Però entrambi scuotono il capo. Allora si fa avanti l ispettore: - Tra le dieci e le dieci e venti è avvenuto il furto della cassetta. Signor Weisel, che faceva lei a quell ora? L apprendista Karl Weisel deglutisce: - La cosa può sembrare un po comica, ma ero dal medico. Sono ritornato poco prima delle dieci e mezzo, il padrone può confermarlo. L ispettore annuisce e si rivolge al secondo apprendista: - E lei signor Kostmann? Walter Kostmann abbassa gli occhi sul pavimento grattandosi con forza la testa: - Io non so... ero qui nel laboratorio! Poi d improvviso investe l ispettore: - Non sono un ladro, io! Il vetraio Moser cerca di rabbonirlo e poi si rivolge all ispettore Roller: - Ha già stabilito, signor ispettore, se il denaro e i gioielli si trovano ancora tutti nella cassetta? Forse potrebbe... anche con le impronte digitali... L ispettore fa un amichevole gesto di diniego. - Grazie, grazie signor Moser, di sicuro c è ancora tutto. E per ciò che riguarda le impronte digitali, possiamo risparmiarci la fatica. So già chi è il ladro. Chi è dunque il ladro? Il ladro è il vetraio in persona. Infatti l ispettore Roller, parlando del furto, aveva soltanto fatto cenno a una cassetta con del denaro. Il signor Moser, invece, aveva chiesto se denaro e gioielli si trovavano ancora tutti nella cassetta. Per comprendere t Quale dei cinque sensi l investigatore utilizza maggiormente per ispezionare il luogo del crimine? Vista. Udito. Olfatto. Tatto. Gusto. t Qual è l alibi dell apprendista Karl Weisel? t Perché l investigatore non ritiene necessario rilevare le impronte digitali? Perché non ha il materiale necessario. Perché ha già trovato il colpevole. t L investigatore da cosa capisce che il colpevole è il vetraio? Dal suo odore. Dalle sue stesse p parole. W. Ecke, L uomo in nero, Edizioni EL 87

Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro