Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro

IL RACCONTO STORICO Non erano i soli: un ume di persone si dirigeva verso il bacino arti ciale fatto scavare dall'imperatore Augusto. Curio e il padre fecero fatica a trovare un posto sulle tribune costruite lungo gli argini, tanta era la folla. Qua e là scoppiarono tumulti e i pretoriani, la temibile polizia di Augusto, intervennero con decisione per riportare la calma. Poi nalmente una banda di buccine diede il via alla battaglia navale e lo scontro ebbe inizio. Le navi stavano quasi ferme, perché avevano davvero poco spazio di manovra, ma i combattimenti furono lo stesso violentissimi: erano scontri corpo a corpo fra i due eserciti nemici. All'inizio Curio trovò lo spettacolo fantastico ed emozionante, poi però si accorse che quella era una vera battaglia, che il sangue versato arrossava l'acqua del laghetto arti ciale e che i combattenti morivano davvero. Il padre vide il suo sgomento e cercò di consolarlo: - Non ti preoccupare, Curio, quelli che combattono sono no solo schiavi, prigionieri di guerra. Di loro non importa niente a nessuno, sono come cose. E poi quelli che resteranno in vita alla ne della battaglia saranno liberati dall'imperatore. Curio ascoltava il padre, ma non riusciva ad appassionarsi arsi allo spettacolo della morte, anche se sull'acqua. Chiese al padre il permesso di tanandosi dal tornare a casa e lasciò il suo posto sulle gradinate. Allontanandosi stanza romabacino, Curio un po' si vergognava: Forse non sono abbastanza no per assistere a giochi come questi , pensava il ragazzo. Comunque fosse, non avrebbe mai più assistito a una naumachia, e neppure sahiavi o no, a rebbe mai andato al circo a vedere i gladiatori lottare. Schiavi lui sembrava che il sangue di quegli uomini fosse come ill suo, e che nte spade e la loro vita non dovesse valere meno della sua. No, niente o. Magari niente guerra: lui avrebbe servito Roma in un altro modo. rse anche sarebbe diventato un avvocato, o magari un giudice. O forse un poeta. Ma la violenza no, non era davvero per lui. Scrivi tu t Sulla base delle tue conoscenze storiche, cercando informazioni in biblioteca o su internet, rispondi sul quaderno alle seguenti domande. t Quali opere realizzarono i Romani per controllare e dirigere le acque? t Oltre alla naumachia, quali altri spettacoli venivano proposti al pubblico nell antica Roma? S. Bordiglioni, Piccole storie di Roma antica, Einaudi Ragazzi Per comprendere v In che cosa consisteva la naumachia? Descrivi brevemente cosa avveniva durante l evento. v Perché Curio pensa di non essere abbastanza romano? v In quale modo avrebbe voluto servire Roma? v Perché? 109

Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro