Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro

IL RACCONTO STORICO - Ne scommetto altrettanti che riesco a domarlo! Ma di' a quegli sciagurati di lasciarlo! Ti prego! Filippo lo guardò e lo vide quasi fuori di sé per l'emozione, le vene del collo gon e come quelle dello stallone infuriato. Si volse agli uomini e ordinò: - Liberatelo! Obbedirono. Uno dopo l'altro sciolsero i lacci e gli lasciarono solo le briglie sul collo. E subito l'animale si allontanò correndo nella pianura. Alessandro si lanciò all'inseguimento di corsa e gli si af ancò sotto l'occhio stupito del re e dei suoi stallieri. Il sovrano scosse la testa mormorando: - Oh, dèi, gli scoppierà il cuore a quel ragazzo, gli scoppierà il cuore. - E Peritas (2) ringhiava tra i denti. Ma gli uomini fecero un cenno come per dire "ascolta". Sentivano che gli parlava, nell'ansimare della corsa gli gridava qualcosa, parole che il vento si portava via assieme ai nitriti dell'animale che quasi pareva rispondergli. E improvvisamente, quando sembrava che il giovane crollasse a terra per lo sforzo, il destriero rallentò la sua corsa, trotterellò per un poco e poi si mise al passo scuotendo la testa e sbuffando. Alessandro allora gli si avvicinò piano, mettendosi dalla parte del sole. Poteva vederlo ora, illuminato in pieno, poteva vedere la sua fronte ampia e nera e la macchia bianca a forma di cranio di bue. - Bucefalo - sussurrò. - Bucefalo... Ecco, è questo il tuo nome... questo. Ti piace, bello? Ti piace? - E gli si accostò n quasi a toccarlo. L'animale scrollò la testa, ma non si mosse e il ragazzo stese la mano e lo accarezzò sul collo, con delicatezza, e poi sulla guancia e sul muso, morbido come muschio. - Vuoi correre con me? - gli domandò. - Vuoi correre? - Il cavallo nitrì alzando la testa erissima e Alessandro capì che assentiva. Lo guardò sso negli occhi ardenti e poi con un balzo gli fu in groppa e gridò: - Vai! Bucefalo! V. M. Manfredi, Alexandros. Il figlio del sogno, Mondadori Per saperne di più Questo celebre mosaico rappresenta Alessandro Magno in sella a Bucefalo durante la battaglia di Isso, contro i Persiani nel 333 a.C. Alessandro Magno era così affezionato al cavallo che, alla sua morte, fondò in suo onore la città di Bucefala. Esplora il testo v Il narratore è: interno. esterno. v Chi è il protagonista di questo racconto? v un personaggio: realmente esistito. inventato dall autore. v Nel racconto viene narrato: un importante evento storico. un momento di vita quotidiana. v Sottolinea i termini che indicano l epoca in cui si svolge la vicenda. 107

Leggermente - Lingua e linguaggi 5 Sfoglialibro