La passione per la medicina

VERIFICA delle COMPETENZE La passione per la medicina La giovinezza tra scienza e cultura Nel 1909 nascono a Torino nella famiglia dei Levi-Montalcini le due gemelle Paola e Rita. Il padre ingegnere, Adamo Levi, e la mamma pittrice, Adele Montalcini, insegnarono ai loro quattro gli ad amare profondamente la cultura. Nella sua autobiogra a la scienziata racconta come da adolescente volesse fare la scrittrice, ma che a vent anni i suoi interessi cambiarono: si iscrisse alla facoltà di medicina, laureandosi nel 1936. Guerra e dopoguerra Nel 1938 il governo fascista approvò le leggi razziali contro gli ebrei. Molti scienziati e intellettuali furono costretti a partire per l estero. Rita Levi-Montalcini andò in Belgio, per ritornare in Italia nel 1940, alla vigilia dell entrata in guerra dell Italia nella Seconda guerra mondiale. Dopo numerose dif coltà (non potendo frequentare l università, ma volendo continuare le sue ricerche, allestì un piccolo laboratorio nella propria camera da letto), nel 1945 riuscì a riprendere le sue ricerche all Università di Torino. Nel 1947 fu invitata negli Stati Uniti presso la Washington University di St. Louis, che le offrì di proseguire i suoi studi sul sistema nervoso. La scoperta del NGF Alla ne degli anni Cinquanta Rita Levi-Montalcini capì che il tessuto nervoso non ha una struttura ssa e immutabile dalla nascita, ma la sua crescita può essere facilitata da una sostanza che fu chiamata Nerve growth factor o NGF («Fattore di crescita dei nervi ). Insieme all americano Stanley Cohen, un altro ricercatore Premio Nobel il e ev ric i cin tal on M Rit a Levi dell Università di St. Louis, la scienziata isolò e studiò 86. per la medicina nel 19 una molecola proteica simile al NGF, trovata nel veleno di serpente e nelle ghiandole salivari dei topi. I riconoscimenti Passarono circa trent anni prima che Rita Levi-Montalcini e Stanley Cohen ottenessero il meritato riconoscimento: nel dicembre 1986, i due scienziati ricevettero il premio Nobel per la Medicina. Rita Levi-Montalcini è stata anche nominata senatore a vita «per gli altissimi meriti nel campo scienti co e sociale . Così la scienziata ha commentato la sua nomina a senatore: - il più ambito riconoscimento nel quale avrei potuto sperare. Questa nomina è per me di maggiore piacere del premio Nobel perché viene dal mio paese. Rita Levi-Montalcini si è spenta il 30 dicembre 2012, all'età di 103 anni, nella sua abitazione a Roma. Adatt. da A. Magistrelli in treccani.it, Enciclopedia dei ragazzi 100
La passione per la medicina