Verso la campagna

Il testo narrativo Vari tipi di sequenze Verso la campagna I bambini che nascono e crescono in città difficilmente riescono a comprendere come possa essere la vita in campagna. Enrico, il papà di Andrea, distoglie per un attimo lo sguardo dalla strada, cerca il pulsante del condizionatore e lo preme. Il ronzio cessa. - Perché hai spento, papà? - gli chiede Andrea. - Fa caldo. L'uomo sorride, abbassa i finestrini della station wagon e l'aria irrompe nell'abitacolo. - È un caldo buono, profumato. Lo senti? Il bambino si stringe nelle spalle. Annusa odori, più che profumi, un misto di sentori sconosciuti. Guarda fuori. La luce è forte, quella di un pomeriggio d'estate. Forte e gialla. La macchina corre in un mare di grano. Lui non ha mai visto una distesa simile, dorata, accarezzata da un vento secco che la fa muovere come se fosse davvero la superficie di un oceano strano, creato da uno di quei pittori che si divertono a cambiare i colori, a trasformare la realtà con la fantasia. La strada deserta si srotola davanti a loro, stretta, come se si fosse fatta minuscola per non disturbare le piante, vere dominatrici di quel mondo. Enrico rallenta, si rilassa sul sedile, si sgranchisce le vertebre del collo. - Siamo quasi arrivati - dice. - Quanti papaveri! - osserva suo figlio. - E poi ci sono anche quei fiori piccoli, sembrano margherite dai gambi alti. - È camomilla, quella. - Camomilla? Qui? L'uomo sorride. - Perché, credevi che nascesse nei banchi del supermercato? - No, ma… non so, pensavo che venisse dall'estero, da lontano. Come il caffè o il tè. - Sei proprio un cittadino, un cementaro. - Cementaro è una parola che hai inventato tu. - Però rende l'idea. La campagna praticamente non la conosci, e non sai cosa ti perdi. Hai visto quanto è bella? - Sei tu che non mi ci porti. Il papà di Andrea annuisce. È vero, non ce lo porta. Andrea ha dieci anni e conosce bene solo la città e il mare, dove di solito vanno in vacanza. A Lancimago non c'era venuto mai; e dire che le sue radici sono qui. Qui dove sono nati suo padre, suo nonno, il suo bisnonno e chissà, nei secoli, quante generazioni prima di loro. Qui dove Enrico torna ogni anno ai tempi della mietitura. Ai lati della strada cominciano a infittirsi le fattorie e compaiono le prime case del borgo. Infine, il paese vero e proprio, un migliaio di abitanti o poco più. Linde e pretenziose villette contrastano con gli edifici più vecchi, file di case attaccate l'una all'altra, sulla via che taglia l'abitato come prima tagliava le distese di grano. - Lì c'era un campo di cocomeri, quand'ero piccolo - dice Enrico come a se stesso, indicando il parcheggio del supermercato. - E là, dove ci sono quelle palazzine, era tutta una vigna. Si è ingrandito questo posto. Si ingrandisce ogni anno di più. Ad Andrea pare invece piccolo, piccolissimo. Non sa immaginare come doveva essere quando suo padre era bambino. E non sa come sia viverci, in un posto così. E. Baldini - A. Fabbri, Quell'estate di sangue e di luna, Einaudi Per comprendere A che cosa è paragonato il campo di grano? Perché sembra che la strada si sia fatta minuscola? Quale pianta dai fiori simili alle margherite scorge Andrea? Perché ad Andrea il paese sembra piccolissimo, mentre a Enrico sembra sempre più grande? Per riflettere Le radici di Andrea sono a Lancimago perché lì sono nati i nonni, i bisnonni e anche suo padre. Tu conosci le tue radici? Sai dove sono nati i tuoi genitori, i tuoi nonni e bisnonni? Esplora il testo Il testo è già suddiviso in sequenze. Indica per ognuna che tipo di sequenza è, inserendo nel pallino la sigla corrispondente: DE - descrittiva, DI - dialogica, RI - riflessiva, NA - narrativa. Le sequenze descrittive: arricchiscono la narrazione. confondono il lettore. Le sequenze dialogiche: esprimono i pensieri dei personaggi. riportano gli scambi di battute tra i personaggi. Le sequenze riflessive: rendono complicata la lettura. esprimono le riflessioni di un personaggio. Le sequenze narrative: esprimono i pensieri dei personaggi. raccontano cosa accade nella vicenda.
Il testo narrativo   Vari tipi di sequenze Verso la campagna I bambini che nascono e crescono in città difficilmente riescono a comprendere come possa essere la vita in campagna.   Enrico, il papà di Andrea, distoglie per un attimo lo sguardo dalla strada, cerca il pulsante del condizionatore e lo preme. Il ronzio cessa. - Perché hai spento, papà? - gli chiede Andrea. - Fa caldo. L'uomo sorride, abbassa i finestrini della station wagon e l'aria irrompe nell'abitacolo. - È un caldo buono, profumato. Lo senti? Il bambino si stringe nelle spalle. Annusa odori, più che profumi, un misto di sentori sconosciuti.   Guarda fuori. La luce è forte, quella di un pomeriggio d'estate. Forte e gialla. La macchina corre in un mare di grano. Lui non ha mai visto una distesa simile, dorata, accarezzata da un vento secco che la fa muovere come se fosse davvero la superficie di un oceano strano, creato da uno di quei pittori che si divertono a cambiare i colori, a trasformare la realtà con la fantasia. La strada deserta si srotola davanti a loro, stretta, come se si fosse fatta minuscola per non disturbare le piante, vere dominatrici di quel mondo.   Enrico rallenta, si rilassa sul sedile, si sgranchisce le vertebre del collo. - Siamo quasi arrivati - dice. - Quanti papaveri! - osserva suo figlio. - E poi ci sono anche quei fiori piccoli, sembrano margherite dai gambi alti. - È camomilla, quella. - Camomilla? Qui? L'uomo sorride. - Perché, credevi che nascesse nei banchi del supermercato? - No, ma… non so, pensavo che venisse dall'estero, da lontano. Come il caffè o il tè. - Sei proprio un cittadino, un cementaro. - Cementaro è una parola che hai inventato tu. - Però rende l'idea. La campagna praticamente non la conosci, e non sai cosa ti perdi. Hai visto quanto è bella? - Sei tu che non mi ci porti.   Il papà di Andrea annuisce. È vero, non ce lo porta. Andrea ha dieci anni e conosce bene solo la città e il mare, dove di solito vanno in vacanza. A Lancimago non c'era venuto mai; e dire che le sue radici sono qui. Qui dove sono nati suo padre, suo nonno, il suo bisnonno e chissà, nei secoli, quante generazioni prima di loro. Qui dove Enrico torna ogni anno ai tempi della mietitura.   Ai lati della strada cominciano a infittirsi le fattorie e compaiono le prime case del borgo. Infine, il paese vero e proprio, un migliaio di abitanti o poco più. Linde e pretenziose villette contrastano con gli edifici più vecchi, file di case attaccate l'una all'altra, sulla via che taglia l'abitato come prima tagliava le distese di grano.   - Lì c'era un campo di cocomeri, quand'ero piccolo - dice Enrico come a se stesso, indicando il parcheggio del supermercato. - E là, dove ci sono quelle palazzine, era tutta una vigna. Si è ingrandito questo posto. Si ingrandisce ogni anno di più.   Ad Andrea pare invece piccolo, piccolissimo. Non sa immaginare come doveva essere quando suo padre era bambino. E non sa come sia viverci, in un posto così. E. Baldini - A. Fabbri, Quell'estate di sangue e di luna, Einaudi Per comprendere  A che cosa è paragonato il campo di grano?    Perché sembra che la strada si sia fatta minuscola?        Quale pianta dai fiori simili alle margherite scorge Andrea?    Perché ad Andrea il paese sembra piccolissimo, mentre a Enrico sembra sempre più grande?           Per riflettere Le radici di Andrea sono a Lancimago perché lì sono nati i nonni, i bisnonni e anche suo padre.  Tu conosci le tue radici? Sai dove sono nati i tuoi genitori, i tuoi nonni e bisnonni? Esplora il testo  Il testo è già suddiviso in sequenze. Indica per ognuna che tipo di sequenza è, inserendo nel pallino la sigla corrispondente: DE - descrittiva, DI - dialogica, RI - riflessiva, NA - narrativa.  Le sequenze descrittive:   arricchiscono la narrazione.      confondono il lettore.  Le sequenze dialogiche:   esprimono i pensieri dei personaggi.      riportano gli scambi di battute tra i personaggi.  Le sequenze riflessive:   rendono complicata la lettura.      esprimono le riflessioni di un personaggio.  Le sequenze narrative:   esprimono i pensieri dei personaggi.      raccontano cosa accade nella vicenda.