Leggenda del Trentino-Alto Adige: Il lago di Carezza

Il testo narrativo Il mito e la leggenda Leggenda del Trentino-Alto Adige Il lago di Carezza Un'antica leggenda narra di una splendida fata, di uno stregone innamorato e di come i colori dell'arcobaleno finirono nelle acque di un lago. Al tempo dei tempi, nel lago di Carezza viveva una bellissima fata delle acque. La fata talvolta si sedeva sulla riva a cantare ma, appena spuntava qualcuno, scompariva nelle onde. Uno stregone che viveva sul vicino monte Latemar se ne innamorò e decise di rapirla per farla sua sposa. Ricorse allora alle sue arti magiche e a mille stratagemmi per avvicinarla, ma invano. Allora, disperato, consultò una strega. - Fabbrica un arcobaleno sul lago - gli disse quella - e vedrai che la fata incuriosita uscirà dalle acque perché non lo ha mai visto. Tu, travestito da mercante, offrile ricchi gioielli e vedrai che riuscirai ad acchiapparla. Il giorno dopo un magnifico arcobaleno, smagliante di sette colori, univa la montagna al lago scintillante. Subito la fata uscì per ammirarlo. Allora lo stregone, dimenticando di travestirsi, corse verso la fata per afferrarla ma, svelta, lei s'immerse nelle profondità del lago. Furente lo stregone afferrò l'arcobaleno e lo frantumò. I pezzi caddero nel lago e lasciarono alle acque dei colori meravigliosi. Enciclopedia delle Regioni, Trentino-Alto Adige, Amz Editrice Se ne parla in Geografia Il lago di Carezza è un piccolo lago alpino situato nel comune di Nova Levante, in Trentino-Alto Adige, sotto le pendici del massiccio del Latemar. Il lago è noto per i suoi meravigliosi colori e per questo viene chiamato "lago dell'arcobaleno". Cerca il lago su una cartina dell’Italia. Esplora il testo Chi sono i personaggi di questa leggenda? Sono personaggi: realistici. fantastici. Che cosa intende spiegare questa leggenda? Il nome del lago. I colori del lago. Il fenomeno dell’arcobaleno. Per comprendere Perché lo stregone fa apparire un arcobaleno? Per attirare la fata. Per colorare le acque del lago. Cosa dimentica lo stregone? Di travestirsi da cavaliere. Di travestirsi da mercante. Perché lo stregone frantuma l’arcobaleno? Per attirare la fata. Perché è arrabbiato.
Il testo narrativo   Il mito e la leggenda Leggenda del Trentino-Alto Adige Il lago di Carezza Un'antica leggenda narra di una splendida fata, di uno stregone innamorato e di come i colori dell'arcobaleno finirono nelle acque di un lago. Al tempo dei tempi, nel lago di Carezza viveva una bellissima fata delle acque. La fata talvolta si sedeva sulla riva a cantare ma, appena spuntava qualcuno, scompariva nelle onde. Uno stregone che viveva sul vicino monte Latemar se ne innamorò e decise di rapirla per farla sua sposa. Ricorse allora alle sue arti magiche e a mille stratagemmi per avvicinarla, ma invano. Allora, disperato, consultò una strega. - Fabbrica un arcobaleno sul lago - gli disse quella - e vedrai che la fata incuriosita uscirà dalle acque perché non lo ha mai visto. Tu, travestito da mercante, offrile ricchi gioielli e vedrai che riuscirai ad acchiapparla. Il giorno dopo un magnifico arcobaleno, smagliante di sette colori, univa la montagna al lago scintillante. Subito la fata uscì per ammirarlo. Allora lo stregone, dimenticando di travestirsi, corse verso la fata per afferrarla ma, svelta, lei s'immerse nelle profondità del lago. Furente lo stregone afferrò l'arcobaleno e lo frantumò. I pezzi caddero nel lago e lasciarono alle acque dei colori meravigliosi. Enciclopedia delle Regioni, Trentino-Alto Adige, Amz Editrice Se ne parla in Geografia  Il lago di Carezza è un piccolo lago alpino situato nel comune di Nova Levante, in Trentino-Alto Adige, sotto le pendici del massiccio del Latemar. Il lago è noto per i suoi meravigliosi colori e per questo viene chiamato "lago dell'arcobaleno". Cerca il lago su una cartina dell’Italia. Esplora il testo   Chi sono i personaggi di questa leggenda?     Sono personaggi:   realistici.   fantastici.   Che cosa intende spiegare questa leggenda?   Il nome del lago.   I colori del lago.   Il fenomeno dell’arcobaleno. Per comprendere   Perché lo stregone fa apparire un arcobaleno?   Per attirare la fata.   Per colorare le acque del lago.   Cosa dimentica lo stregone?   Di travestirsi da cavaliere.   Di travestirsi da mercante.   Perché lo stregone frantuma l’arcobaleno?   Per attirare la fata.   Perché è arrabbiato.