Un ambiente interno: La camera della nonna

Il testo descrittivo Descrizione di ambienti Un ambiente interno La camera della nonna Le camere da letto dei nonni hanno un fascino molto particolare per i nipoti. La camera da letto di nonna Carla è l'ultima stanza in fondo al corridoio. È un locale di ampie dimensioni, piuttosto luminoso. Il pavimento è ricoperto da piastrelle rettangolari color marrone. Intorno ad ogni piastrella ce ne sono altre quattro più strette color giallo-tenue, che incorniciano. La parete di destra è interamente occupata da un grande armadio, dove la nonna conserva con cura i suoi vestiti più belli, compreso l'abito del suo matrimonio. Quando apri l'armadio, però, il primo odore che senti è quello della naftalina(1). Il profumo sgradevole si diffonde facilmente nella stanza e per farlo uscire occorre aprire la finestra. Se sei fortunato, nelle belle giornate primaverili, questa esperienza diventa piacevole perché il primo suono che senti è quello del cinguettio allegro degli uccellini. A volte però mi è capitato di imbattermi nel frastuono provocato dalla radio ad alto volume del vicino di casa! Sul lato della camera opposto alla porta si trova una grande finestra, accanto alla quale vi è una cassettiera composta da otto cassetti. Qui la nonna ripone i suoi maglioni invernali o le magliette estive. Sul lato sinistro della stanza poggia il morbido letto matrimoniale, ai cui fianchi si trovano due comodini: la nonna vi ha collocato delle cornici argentate, con la scritta in rilievo "Ti voglio bene" e con le sue foto in compagnia del nonno, negli anni della loro giovinezza. Infine, l'ultima parete della stanza, lungo la quale si trova la porta, è occupata da una capiente libreria, dove la nonna ha riposto i suoi libri preferiti. La mensola prediletta è quella su cui poggiano i libri gialli di formato tascabile. Dal soffitto pende un antico lampadario, le cui gocce di cristallo nelle giornate di sole riflettono la luce e proiettano raggi colorati sulle pareti. in Nuovo Gulliver news, n. 132 settembre 2011 Capire le parole (1) Naftalina: sostanza dall’odore pungente che viene utilizzata come insetticida contro le tarme, insetti che infestano e danneggiano stoffe e tessuti. Esplora il testo Completa la tabella inserendo tutti i dati sensoriali contenuti nella descrizione. Olfattivi Visivi Uditivi Tattili Cerchia gli indicatori spaziali presenti nel testo e indica se la descrizione della camera segue l’ordine: dal generale al particolare. dall’esterno all’interno. dal basso verso l’alto. dal lontano al vicino. La descrizione è: oggettiva. soggettiva. Per comprendere Chi descrive la camera la vede per la prima volta o vi è stato molte volte? Perché? Segna con una X se le affermazioni sono vere (V) o false (F). Nonna Carla: - non è mai stata sposata. V F - non ama conservare gli abiti. V F - è una persona ordinata. V F - ha un vicino di casa che a volte è rumoroso. V F - ama la lettura. V F - i suoi libri preferiti sono quelli di cucina. V F
Il testo descrittivo   Descrizione di ambienti Un ambiente interno La camera della nonna Le camere da letto dei nonni hanno un fascino molto particolare per i nipoti. La camera da letto di nonna Carla è l'ultima stanza in fondo al corridoio. È un locale di ampie dimensioni, piuttosto luminoso. Il pavimento è ricoperto da piastrelle rettangolari color marrone. Intorno ad ogni piastrella ce ne sono altre quattro più strette color giallo-tenue, che incorniciano. La parete di destra è interamente occupata da un grande armadio, dove la nonna conserva con cura i suoi vestiti più belli, compreso l'abito del suo matrimonio. Quando apri l'armadio, però, il primo odore che senti è quello della naftalina(1). Il profumo sgradevole si diffonde facilmente nella stanza e per farlo uscire occorre aprire la finestra. Se sei fortunato, nelle belle giornate primaverili, questa esperienza diventa piacevole perché il primo suono che senti è quello del cinguettio allegro degli uccellini. A volte però mi è capitato di imbattermi nel frastuono provocato dalla radio ad alto volume del vicino di casa! Sul lato della camera opposto alla porta si trova una grande finestra, accanto alla quale vi è una cassettiera composta da otto cassetti. Qui la nonna ripone i suoi maglioni invernali o le magliette estive. Sul lato sinistro della stanza poggia il morbido letto matrimoniale, ai cui fianchi si trovano due comodini: la nonna vi ha collocato delle cornici argentate, con la scritta in rilievo "Ti voglio bene" e con le sue foto in compagnia del nonno, negli anni della loro giovinezza. Infine, l'ultima parete della stanza, lungo la quale si trova la porta, è occupata da una capiente libreria, dove la nonna ha riposto i suoi libri preferiti. La mensola prediletta è quella su cui poggiano i libri gialli di formato tascabile. Dal soffitto pende un antico lampadario, le cui gocce di cristallo nelle giornate di sole riflettono la luce e proiettano raggi colorati sulle pareti. in Nuovo Gulliver news, n. 132 settembre 2011 Capire le parole (1) Naftalina: sostanza dall’odore pungente che viene utilizzata come insetticida contro le tarme, insetti che infestano e danneggiano stoffe e tessuti. Esplora il testo  Completa la tabella inserendo tutti i dati sensoriali contenuti nella descrizione. Olfattivi   Visivi   Uditivi   Tattili    Cerchia gli indicatori spaziali presenti nel testo e indica se la descrizione della camera segue l’ordine:   dal generale al particolare.   dall’esterno all’interno.   dal basso verso l’alto.   dal lontano al vicino.  La descrizione è:   oggettiva.   soggettiva. Per comprendere  Chi descrive la camera la vede per la prima volta o vi è stato molte volte? Perché?      Segna con una X se le affermazioni sono vere (V) o false (F). Nonna Carla: - non è mai stata sposata.   V F - non ama conservare gli abiti.   V F - è una persona ordinata.   V F - ha un vicino di casa che a volte è rumoroso.   V F - ama la lettura.   V F - i suoi libri preferiti sono quelli di cucina.   V F